Rossoprofondo
 
Home
Chi siamo
Contatti
Spettacoli realizzati
Collaborazioni
Locandine e manifesti
Links
PROSSIMI
SPETTACOLI
Logo
 
Brani Musicali
Bella Ciao

La canzone è divenuta il simbolo della Resistenza ma la sua effettiva presenza durante la lotta partigiana è vivacemente dibattuta e molte interessanti questioni sulla sua reale genesi sono tuttora irrisolte. Data la sua incerta orgine, c'è da chiedersi come Bella ciao abbia potuto sovrapporsi nella memoria della gente a quella che fu la vera canzone della Resistenza: "Fischia il vento".
Secondo Roberto Leydi si tratta del rimaneggiamento di una canzone lombarda La me nòna l'è vecchierella.
Negli anni '70 Cesare Bermani (1) diede notizia di aver trovato l'autore del canto partigiano e di poterne documentare la genesi da una canzone di Vasco Scansani cantata nelle risaie del Vercellese.
Di seguito alla versione comunemente nota inseriamo quella di Scansani come la ricordava Giovanna Daffini. (2) (*)
Senza dare ulteriormente conto di altre tesi (tra cui quella un po' fantasiosa, secondo la quale le parole sarebbero state scritte da Enzo Biagi), possiamo dire che Bella ciao è il canto "partigiano" più tradotto e diffuso in tutto il mondo. Un canto contro l'invasore che contrariamente ad altri "canti resistenti", non fa alcun riferimento alla lotta di classe o alla guerra civile.

(1 ) Cesare Bermani, ricercatore presso l'Istituto "Ernesto De Martino" Membro del Comitato scientifico dell'Archivio di Cultura di Base di Bergamo e del Comitato di redazione della rivista Musica/Realtà.

(2) Giovanna Daffini, (Villa Saviola 1914, Gualtieri 1969) esecutrice scoperta da Gianni Bosio (1) e Roberto Leydi durante le loro ricerche.

(1) Gianni Bosio 1923 –1971 storico, membro del Partito Socialista Italiano

(*) Tito Saffiotti, Enciclopedia della canzone popolare e della nuova canzone politica. Teti Editore, Milano 1978.

Una mattina mi sono alzato
o bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
Una mattina mi sono alzato
e ho trovato l'invasor

O partigiano portami via
o bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
O partigiano portami via
chè mi sento di morir

E se io muoio da partigiano
o bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
e se io muoio da partigiano
tu mi devi seppellir

E seppellire lassù in montagna
o bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
e seppellire lassù in montagna
sotto l'ombra di un bel fior

Tutte le genti che passeranno
o bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
Tutte le genti che passeranno
ti diranno che bel fior

È questo il fiore del partigiano
o bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao
è questo il fiore del partigiano
morto per la libertà

Alla mattina appéna alzata,
o bella ciao, bella ciao, bella ciao;
alla mattina appéna alzata
laggiù in risaia dèbbo andar.

E fra insètti e le zanzare
un dur lavoro ci tocca far.

O mamma mia, o che torménto
e così ogni doman.

Il caposquadra col suo bastone
e noi curve a vavorar.

Ma verrà un giorno che assai provate
la risaia rinneghiam.

 

 

Spettacoli
Piazza Fontana
Dalle belle città
Ninetta mia crepare di maggio
All'assalto cantando
 
I brani musicali
Autori, Poeti e Musicologi