Rossoprofondo
 
Home
Chi siamo
Contatti
Spettacoli realizzati
Collaborazioni
Locandine e manifesti
Links
PROSSIMI
SPETTACOLI
Logo
Brani Musicali
stelutis alpini

Parole e musica di Arturo Zardini

I Rossoprofondo hanno scelto la versione, in italiano, di Francesco De Gregori pubblicata nell'album "Prendere e lasciare" del 1996.
L'esecuzione del brano da parte di De Gregori ha suscitato e suscita forti polemiche da parte dei friulani che la considerano quasi un affronto.

testo originale in friulano di Arturo Zardini testo in itaiano musicato da Francesco De Gregori


Se tu vens cassù ta' cretis
là che lôr mi àn soterât,
al è un splaz plen di stelutis;
dal miò sanc l’è stât bagnât.

Par segnâl, une crosute
je scolpide lì tal cret,
fra chês stelis nas l'arbute,
sot di lôr, jo duâr cujet.

Cjôl sù, cjôl une stelute:
jê 'a ricuarde il nestri ben.
Tu j darâs 'ne bussadute
e po' plàtile tal sen.

Quant che a cjase tu sês sole
e di cûr tu préis par me,
il miò spirt atôr ti svole:
jo e la stele sin cun te.



Se un mattino tu verrai
fino in cima alle montagne
troverai una stella alpina
che è fiorita sul mio sangue.

Per segnarla c'è una croce,
chi l'ha messa non lo so.
Ma è lassù che dormo in pace
e per sempre dormirò.

Tu raccogli quella stella
che sa tutto del tuo amore,
sarai l'unica a vederla
e a nasconderla sul cuore.

Quando a sera sarai sola
non piangere perché
nel ricordo vedrai ancora
tu e la stella insieme a me.

Spettacoli
Piazza Fontana
Dalle belle città
Ninetta mia crepare di maggio
All'assalto cantando
 
I brani musicali
Autori, Poeti e Musicologi